Dott.ssa Alessia Sapei – Osteopata Fisioterapista a Torino

“Una cicatrice è per sempre”, ma col trattamento manipolativo osteopatico non costituisce un problema!

Forse non tutti sanno che la pelle rappresenta l’organo più esteso del corpo umano: la sua estensione è di circa 2mq!!! Sebbene la sua funzione principale riguardi la protezione dei tessuti e degli organi sottostanti la pelle, in considerazione del suo ruolo di mediatore tra l’organismo ed il mondo esterno, è anche deputata a molte altre funzioni importanti per l’omeostasi dell’organismo come l’escrezione, l’assorbimento, la regolazione termica nonché la sensibilità agli stimoli.
È facile capire che ogni alterazione abbastanza profonda all’integrità della pelle, che noi definiamo col termine “cicatrice”, diventa pertanto sorgente di sintomi che non sono semplicemente superficiali e cutanei, ma dal punto di vista osteopatico possono essere determinanti nella comparsa di diverse problematiche viscerali, posturali e somatiche.
Quasi tutti possediamo una cicatrice recente o remota, grande o piccola: essa rappresenta il risultato finale del processo di riparazione tissutale a seguito di un fattore scatenante, come un intervento chirurgico, un parto cesareo, un incidente o una ferita. Tuttavia, il tessuto fibroso che costituisce la cicatrice è anelastico e rigido e durante il processo della rigenerazione dei tessuti, le aree cicatriziali possono estendersi oltre la zona danneggiata collegando altre parti in modo innaturale e creando le così dette “aderenze”. Si possono così creare facilmente nodi e blocchi sui piani fasciali e muscolari che danneggiano la naturale elasticità e flessibilità dei tessuti, originando trazioni (talvolta dolorose) sulla fascia superficiale ed anche a livello profondo influenzando anche mobilità e postura e provocando dolore e disabilità. Questi cambiamenti strutturali, oltre a causare dolore, effetto nervoso, intorpidimento, gamma limitata di movimento e flessibilità, squilibrio posturale, indebolimento muscolare e deperimento, riduzione dell’ossigenazione tissutale, possono anche comportarsi come un sbarramento che perturba il drenaggio linfatico, circolatorio ed energetico impattando sulla nostra normale fisiologia e sulla nostra salute più in generale. Queste restrizioni non riguardano solo l’articolazione, l’arto o l’area circostante la cicatrice, ma possono anche influire sugli organi sottostanti poichè il tessuto cicatriziale potenzialmente può diffondersi in qualsiasi direzione, anche internamente, in tutto il corpo con conseguente modelli di compensazione.
Infine, spesso le cicatrici vengono associate anche ad una serie di disagi legati alla sfera psicologica poiché, oltre a lasciare una traccia fisica e corporale, mantengono in sé la storia dell’evento che le ha originate e ciò si ripercuote quindi anche sulla sfera emotiva.
La guarigione di una cicatrice può essere classificata in 3 fasi: infiammatoria della durata di 3-4 giorni, riparativa proliferativa per le tre settimane successive, e fase di maturazione che può durare fino a uno o due anni. Durante il processo di guarigione della ferita, entrano in gioco numerosi fattori che influenzano la velocità e la qualità della riparazione della lesione. Tuttavia, l’osteopata può intervenire rimediando a queste problematiche.
Di fronte a una cicatrice di importante dimensione, l’osteopata prenderà in considerazione inizialmente la postura del soggetto, effettuerà semplici test per verificare la mobilità viscerale e articolare e infine applicherà tecniche manipolative di allungamento trasversale e longitudinale del tessuto connettivo a livello della fascia superficiale. Queste manipolazioni non solo aiutano a ridurre il dolore, ma mirano a riportare i tessuti molli in uno stato più funzionale rilassando, ammorbidendo e migliorando la cicatrice, apportando non solo miglioramenti a livello fisico ma aiutando anche a livello psicologico. Pertanto il trattamento osteopatico non riguarderà solo l’area del dolore, ma valuterà anche la funzione generale del corpo e analizzerà la storia e le cause che contribuiscono ai sintomi che si stanno verificando.
È importante sottolineare infine, che l’osteopata può trattare la cicatrice quando essa ha già generato un problema, un dolore ad essa collegato, ma anche e soprattutto al fine di prevenire l’insorgere di queste complicanze.

MUSCOLO ILEOPSOAS E MAL DI SCHIENA

Il muscolo ileopsoas si inserisce direttamente sulla spina dorsale, sul bacino e sul femore, ha di conseguenza la potenzialità di influenzare e di essere a sua volta influenzato dalla colonna e dalla pelvi. E’ un muscolo pari e di conseguenza ne abbiamo due. E’ un muscolo posturale ed è stato osservato e dimostrata la sua tendenza ad accorciarsi, creando un aumento della lordosi lombare,

Leggi di più

Ho la CERVICALE !

Problematica comune a molte persone, più o meno intensa come sintomatologia, “la cervicale” ha interessato quasi tutti almeno una volta nella vita. A maggior ragione in questo periodo di sbalzi di temperatura è facile percepire dolori del tratto della colonna cervicale. Ma cos’è la cervicalgia e come può agire l’osteopata?

Leggi di più

Quale esame diagnostico?

Quali sono gli esami più comunemente prescritti per mal di schiena, tendiniti, cadute, distorsioni, ecc.? Ecco brevemente indicati quali sono, a cosa servono di solito e cosa permettono di vedere.

Leggi di più